» 
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese

definition - lago maggiore

definition of Wikipedia

   Advertizing ▼

Wikipedia

Partecipa all'assemblea di Wikimedia Italia il 20 marzo a Pistoia

Lago Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°57′N 8°38′E / 45.95, 8.633

Lago Maggiore
Nazioni Italia
 Svizzera
Regione Lombardia
Piemonte
Ticino (CH)
Provincia Varese
Novara
Verbano-Cusio-Ossola
Ticino: Distretto di Locarno
Dimensioni
Superficie212 km²
Altitudine193 m s.l.m.
Profondità massima370 m
Volume37 km³
Bacino imbrifero6.599 km²
Immissari principaliTicino, Maggia, Toce, Tresa
Emissari principaliTicino
« Se hai un cuore e una camicia, vendi la camicia e visita i dintorni del Lago Maggiore »

Il lago Maggiore o Verbano (indicato anche come lago di Locarno, Lach Magiur in lombardo occidentale e Lagh Magior in lingua piemontese) è un lago prealpino di origine glaciale, il secondo in Italia come superficie.

Le sue rive sono condivise tra Svizzera (Canton Ticino) e Italia (province di Varese, Verbano-Cusio-Ossola e Novara).

Indice

Morfologia

Il lago visto da sopra Brissago (Svizzera)

Il lago Maggiore si trova ad un'altezza di circa 193 m s.l.m., la sua superficie è di 212 km² di cui circa l'80% è situata in territorio italiano e il rimanente 20% in territorio svizzero. Ha un perimetro di 170 km e una lunghezza di 54 km (la maggiore tra i laghi italiani); la larghezza massima è di 10 km e quella media di 3,9 km. Il volume d'acqua contenuto è pari a 37,5 miliardi di m³ di acqua con un tempo teorico di ricambio pari a circa 4 anni [1]. Il bacino imbrifero è molto vasto, pari a circa 6.599 km² divisi quasi equamente tra Italia e Svizzera (il rapporto tra la superficie del bacino e quella del lago è pari 31,1). La massima altitudine di bacino imbifero è Punta Dufour nel massiccio del Monte Rosa (4.633 m s.l.m.) quella media è invece di 1.270 m s.l. Il bacino è caratterizzato dall'esistenza di una trentina di invasi artificiali con una raccolta di circa 600 milioni di m³ di acqua, se rilasciati in modo contemporaneo eleverebbero il livello del lago di circa 2,5 m. La massima profondità è 370 m (nella criptodepressione tra Ghiffa e Porto Valtravaglia).

Gli immissari maggiori sono il Ticino, la Maggia, il Toce (che riceve le acque del torrente Strona e quindi del lago d'Orta[2]) e la Tresa (a sua volta emissario del lago di Lugano e alimentata dal Margorabbia). I tributari maggiori hanno un andamento di deflusso diverso, mentre Ticino e Toce che hanno un bacino imbrifero ad alte quote raggiungono un flusso massimo nel periodo compreso fra maggio e ottobre in coincidenza allo scioglimento di nevi e ghiacciai, gli altri tributari hanno un andamento fortemente influenzato dalle precipitazioni. Immissari minori sono i torrenti Verzasca, Cannobino, San Bernardino, Giona e Boesio. L'unico emissario è il Ticino che fluisce dal lago a Sesto Calende.

Imissari

  • Acqua Nera
  • Monvallina
  • Molinera
  • San Bernardino
  • San Giovanni
  • Selva Spessa
  • Rio di Colmegna
  • San Giovanni di Bedero
  • Versella o Varesella
  • Tiasca
  • Trigo
  • Ronè
  • Froda di Caldè
  • Rio dell'Asino
  • Riale di Casere
  • Rio Molinetto
  • Rio Valmara
  • Rio Colorio
  • Riale Corto
  • Riale del Roddo
  • Riale del Molino

Geologia

L'origine del lago Maggiore è in parte glaciale, ne è testimone la disposizione delle colline formate da depositi morenici di natura glaciale, ma è accertato che l'escavazione glaciale è avvenuta su una preesistente valle fluviale, il profilo del lago ha infatti la tipica forma a V delle valli fluviali.

Come materiale da costruzione è stato molto utilizzato in passato il granito rosa di Baveno.

Sono peraltro conosciuti gli usi costruttivi antichi della pietra d'Angera (utilizzata ad esempio nell'antichità classica, e nel periodo medioevale), mentre le cave di calcare di Caldè fornirono per lunghissimi secoli la materia prima per la calcina con cui vennero innalzati edifici di Lombardia e Piemonte: complice la facilità di trasporto tramite barca, prima sul lago, indi sui navigli milanesi[3].

Statistiche

Il lago Maggiore visto da satellite

Alcune statistiche sul lago Verbano.[4] Da notare che nei periodi di magra il livello dell'acqua fra Locarno e Sesto Calende può variare di 1 cm, mentre durante le piene fino a 30 cm.[5]

Superficie208 km2 a 193.00 m
212 km2 a 193.20 m
231 km2 a 197.00 m
254 km2 a 200.00 m
Volume37 km3 a 193.20 m
Bacino imbrifero6562 km2
Apporto d'acqua0.65 km3 di acqua ogni 100 mm di precipitazioni
Livello medio massimo193.80 m
Livello medio minimo193.20 m
Livello di guardia195.00 m
Livello di inizio danni195.50 m
Livello minimo192.00 m (soglia della diga)
Crescita media con alluvione120 cm ogni 24 h
Crescita massima media144 cm ogni 24 h (3600 m3 al s)
Crescita estrema165 cm ogni 24 h, 9 cm ogni h (24 settembre 1993)
Calo medio20-25 cm ogni 24 h (560 m3/s)

Isole

Nel lago Maggiore sono presenti molte isole grandi, piccole o minuscole, divise tra le 8 del Piemonte, le 2 della Svizzera e l'unica in Lombardia, per un totale di 11.

Fra Stresa e Verbania si trova l'arcipelago delle Isole Borromee: l'Isola Bella, l'Isola Madre e l'Isola Superiore dei Pescatori (nota anche più semplicemente come Isola dei Pescatori o Isola Superiore)

Di fronte alla località svizzera di Brissago si trovano le due Isole di Brissago.

Di fronte alla costa di Cannero Riviera si trovano invece i tre scogli emersi detti Castelli di Cannero: lo scoglio maggiore, totalmente occupato oggidì dal manufatto bellico della Vitaliana, rocca voluta dal conte Ludovico Borromeo a partire dal 1518, lo scoglio minore, su cui si ergono i ruderi delle cosiddette "prigioni", ma in effetti una torricella avanzata con cannoniera a falconetti di presidio meridionale al porto canale, e finalmente lo scoglietto (verso Maccagno) del "Melgonaro", su cui cresce solo una stenta ma tenace pianta che ha affascinato poeti e incisori quali Piero Chiara, Marco Costantini, Carlo Rapp.

Vanno infine citati, l'Isolino di San Giovanni di fronte a Verbania (famoso perché fu per molti anni residenza, nel seicentesco Palazzo Borromeo, del compositore Arturo Toscanini), l'isolotto La Malghera detto anche Isola delle Bambole, tra l'Isola Bella e quella dei Pescatori e quindi l'Isolino Partegora nel piccolo golfo di Angera.

Vista del lago Maggiore dal Mottarone

Flora

Per definire la flora del lago Maggiore si usa spesso il termine improprio di flora insubrica. La flora è fortemente influenzata dal bacino lacustre e che ha permesso la proliferazione di piante tipicamente mediterranee e anche di piante originarie delle zone atlantiche favorite dalla composizione del terreno e dall'abbondanza di rocce silicee.Vi crescono limoni, olivi e l'alloro. Prosperano le acidofile, camelie, azalee, rododendri e magnolie che si possono ammirare nei numerosi e splendidi giardini che si susseguono sulla costa piemontese. La vegetazione spontanea è composta da tassi, gli agrifogli e i castagni sulle colline circostanti.

A Verbania vi è il giardino botanico Villa Taranto.

La navigazione sul lago Maggiore

La navigazione di linea sul lago ha origini molto antiche: già nel 1825 si costituì l'"Impresa Lombardo-Sardo-Ticinese" per la navigazione sulle sue acque e nel 1826 il primo piroscafo, il Verbano, già solcava le acque del lago. Nel 1853 iniziò il servizio anche una seconda società, il "Lloyd Austriaco", con il piroscafo Taxis. L'"Impresa Lombardo-Sardo-Ticinese" fallì nel 1853 e vendette i piroscafi al governo del Regno di Sardegna. Durante la seconda guerra di indipendenza (1859) i piroscafi vennero armati e vi furono anche scontri (l'austriaco Radetzky venne seriamente danneggiato dalle popolazioni insorte) e infine trovarono riparo nelle acque neutrali svizzere. Il "Lloyd Austriaco", fallito, vendette i suoi tre bastimenti al governo svizzero che li cedette al governo sardo.

Nel 1867 la proprietà dei battelli passò alla neonata impresa "Innocente Mangilli" di Milano, che a partire dal 1876 fino al 1909, nel corso della belle époque, mise in servizio ben otto grandi battelli salone a ruote e, fino al 1914, cinque a elica. Nel 1896 la Regia Guardia di Finanza stanziò una flottiglia di piccole torpediniere a Cannobio; quello stesso anno una di esse, la Locusta, affondò in una tempesta con tutto l'equipaggio.

Durante la prima guerra mondiale la società Mangilli fallì e i battelli vennero gestiti dal governo con risultati disastrosi; nel 1923 passarono infine alla "Società Subalpina di Imprese Ferroviarie", che attuò un drastico rinnovo della flotta: vennero demoliti tutti i piroscafi maggiori tranne sei (tre a ruote e tre a elica), due vennero riattrezzati con motore diesel e vennero costruite nove nuove motonavi; nel 1933 iniziò il servizio di trasporto autoveicoli con il traghetto San Cristoforo. Nel 1938 le Ferrovie Regionali Ticinesi aprirono il servizio sul bacino svizzero.

La seconda guerra mondiale portò lutti e danni: gli attacchi aerei alleati affondarono, tra il 25 ed il 26 settembre 1944, i piroscafi Genova, Milano e Torino. Nei primi due casi ci furono rispettivamente 32 e 26 morti. Nel dopoguerra la gestione delle imbarcazioni passò alla Gestione Governativa, che costruì diverse nuove navi (il primo aliscafo prese servizio nel 1953); nel 1956 acquistò la flottiglia svizzera.

Attualmente la flotta passeggeri della "Navigazione Lago Maggiore", la più grande dei laghi italiani, si compone di oltre trenta unità tra piroscafi, motonavi, traghetti, catamarani, aliscafi e motoscafi. Sopravvivono ancora oggi cinque battelli storici:

  • Il piroscafo salone a ruote Piemonte, costruito nel 1904 con il nome di Regina Madre e ribattezzato nel 1943, rimodernato nel 1961-1965 e tutt'ora in servizio (seppur la NLM lo utilizzi esclusivamente per noleggi);
  • Il piroscafo salone a ruote Lombardia, costruito nel 1908 e messo in disarmo nel 1958, ancorato dal 1969 come bar-ristorante ad Arona e relativamente in buono stato di conservazione (le strutture originali, in parte nascoste da altre fittizie, sono intatte);
  • La motonave a elica Torino, costruita nel 1913 come piroscafo mezzo salone a elica, affondata nel 1944, recuperata e ricostruita come motonave nel 1945 e rimodernata nel 1969. Ha perso praticamente del tutto l'aspetto del piroscafo, assumendo il profilo delle motonavi anni '50;
  • La motonave a elica Fior d'Arancio, costruita nel 1924, rimodernata negli anni '70 e convertita negli anni ottanta in battello di servizio
  • La motonave a elica Azalea (gemella della Fior d'Arancio), costruita nel 1924, rimodernata negli anni '70, successivamente posta fuori servizio, venduta e usata come sede da una società di noleggio imbarcazioni presso Belgirate, in buono stato.

Sono stati 24 i piroscafi passeggeri del Lago Maggiore:Piroscafi a ruote:

  • Verbano (I) (1826-1842)
  • San Carlo (1842-1870)
  • Verbano (II) (1844-?) distrutto da un incendio
  • Verbano (III) (1845?) trasferito nel 1862 sul Lago di Garda e ribattezzato Benaco
  • Taxis (1853-1950) ribattezzato Ticino e rimodernato nel 1860, trasformato in motonave a elica nel 1925 e ribattezzato Alpino, demolito nel 1950
  • Benedek (1853-1896) ribattezzato Sempione nel 1862
  • Radetzky (1853) ribattezzato Elvezia nel 1862, trasferito sul Lago di Garda e ribattezzato Sirmione nel 1866
  • San Gottardo (1855-1918) rimodernato nel 1870
  • San Bernardino (1855-?) rimodernato negli anni '70 del XIX Secolo, demolito probabilmente tra il 1918 ed il 1930
  • Lucmagno (1855-1914) rimodernato negli anni '70 del XIX Secolo
  • Verbano (1876-1918)
  • Eridano (1883-?) demolito negli anni '20/'30 del XX Secolo
  • Italia (1888-?) demolito negli anni '20/'30 del XX Secolo
  • Elvezia (1890-?) demolito negli anni '20/'30 del XX Secolo
  • Sempione (1896-1933)
  • Francia (1903-?) ribattezzato Italia nel 1943, disarmato e venduto nel 1961, successivamente demolito
  • Regina Madre (1904) ribattezzato Piemonte nel 1943, rimodernato nel 1961-1965, in servizio
  • Lombardia (1908) posto in disarmo e venduto nel 1958, ormeggiato ad Arona come discoteca

Piroscafi a elica:

  • Paleocapa (1869-1929) trasformato in motoscafo e ribattezzato Gabbiano nel 1925, demolito nel 1929
  • Como (1908-?)
  • Novara (1908-?)
  • Milano (1912-1944) affondato da attacco aereo
  • Torino (1913) affondato da attacco aereo nel 1944, recuperato e radicalmente ricostruito come motonave nel 1950, in servizio
  • Genova (1914-1944) affondato da attacco aereo

Tutt'ora la flotta continua ad ampliarsi, infatti si aspettano due motoscafi da 136 passeggieri, e un traghetto che sostituirà l'ormai demolito San Gottardo.

Fauna

Nel lago vivono due specie di coregoni, la bondella e, meno diffuso, il lavarello. Entrambi vivono in acque profonde e vengono a riva solo durante la fregola nei primi di dicembre. Vi si trovano inoltre l'agone, il pesce persico, il luccio, il cavedano, la bottatrice, le anguille e le alborelle.

Alba sul lago Maggiore

Venti

Come tutti i laghi prealpini, il lago Maggiore viene percorso, soprattutto nella bella stagione, da due tipi di venti prevalenti, uno che spira al mattino dalle montagne verso la pianura (detto moscendrino in quanto proveniente dal Monte Ceneri, a volte tramontana) ed un venticello che spira dalla pianura alla montagna soprattutto durante il pomeriggio (detto inverna). Questi venti costanti fanno dei laghi prealpini un ottimo campo dove adoperarsi in sport che usano appunto il vento, come la vela e il windsurf. Il lago Maggiore ha dei punti particolari, soprattutto nella parte alta, dove le montagne si stringono a formare una stretta valle in cui questi venti spirano molto forti.

Ci sono poi altri venti tipici di questo lago come l'invernone, che spira da sud-ovest e porta in genere tempesta, il maggiore, che viene da nord-est ed è molto pericoloso in quanto agita parecchio il lago, il valmaggino che spira leggermente dalle valli dietro Locarno, il mergozzo, che spira soprattutto di notte, da nord-ovest.[6]

Storia

Lago Maggiore visto da Ascona

I reperti e le prove rinvenuti ci dicono che a seguito della creazione vera e propria del lago, con il ritiro completo dei ghiacci, la zona circostante fu abitata da gruppi nomadi, che utilizzarono il territorio prevalentemente come luogo per la caccia e approvvigionamenti.
Nel periodo storico del calcolitico si ha la costruzione dei primi nuclei abitativi negli immediati pressi del lago e da quel momento si avrà un lento consolidarsi di gruppi sedentari di abitanti.

La zona venne controllata nei periodi successivi dai Liguri che avanzarono fino ad alcune zone dell'attuale Lombardia, per poi essere nuovamente respinti fino ai loro confini occidentali dalla discesa dei Celti nella penisola italica, probabilmente la popolazione dei Galli Taurini.
I Galli ebbero quindi la supremazia sul territorio lacustre fino all'avanzare dei Romani che ricondussero le zone Piemontesi e Lombarde a province dell'impero. Il "Verbanus Lacus" (nome donatogli dai Romani, dal quale probabilmente deriverà poi la nomenclatura lago Verbano) o "Lacus Maximus" (altro nome attribuitogli addirittura da Virgilio) resterà in mano saldamente all'impero romano fino alle scorribande dei popoli nordici e le invasioni barbariche, che frammenteranno l'unità creata dal controllo Romano portando il caos e la divisione su tutto il territorio.

Per arrivare a un periodo di rinascita delle città sul lago bisognerà attendere il Medioevo, il quale porterà alla creazione di borghi, castelli e in generale un esempio ben differente di fisionomia dei luoghi abitati.
In questo periodo la zona attorno al lago, così come numerosi territori nei dintorni di Milano, passò fra le mani di diverse famiglie come i Della Torre, i Visconti, la casa regnante degli Asburgo dal 1713 e in particolare la famiglia Borromeo, la quale ebbe un'enorme influenza per lunghissimi anni sul lago Verbano, partendo dall'acquisizione del feudo di Arona nel 1445.

Esondazioni

Le esondazioni del Verbano che hanno superato quota 196.00 metri s.l.m.[7] Da notare che la lista non contiene tutti gli eventi risalenti prima del XIX secolo. Il livello raggiunto dall'acqua è attendibile a partire dal 1868.

AnnoLivello (m)
1178Circa 10 metri oltre il livello "normale"
1640198.82
1706199.03
1755197.77
1777198.57
1792197.67
1807199.28
1829197.15
1834197.30
1840197.78
1846197.08
1846197.24
1855197.22
1868, 4 ottobre200.23
1872, 22 maggio197.32
1889, 30 ottobre196.56
1891196.20
1892196.10
1896196.40
1897195.70
1900, 28 agosto196.40
1907, 18 ottobre197.21
AnnoLivello (m)
1917196.20
1918196.30
1920, 25 settembre196.40
1926196.50
1926196.60
1928, 2 novembre196.81
1939196.23
1940195.84
1942196.21
1951, 13 novembre196.60
1951, 22 novembre196.55
1963, 8 novembre196.18
1968, 5 novembre196.35
1977, 5 maggio196.44
1977, 10 ottobre196.34
1979, 17 ottobre196.60
1981, 28 settembre196.82
1983, 23 maggio196.29
1986, 25 aprile196.02
1993, 14 ottobre197.24
2000, 17 ottobre197.55
2002, 17 novembre196.25
2002, 20 novembre196.27

I luoghi

« Scoglio cinto dal più bel lago d'Italia! »

I castelli sul Lago Maggiore

Le Ville

Alcune delle più belle ville costruite attorno al Lago:

Giardini e parchi

« L'Isola Madre, paradiso terrestre. Alberi dalle foglie dorate che il sole ha indorato. »
(Gustave Flaubert, parlando dei giardini dell'Isola Madre, 1845)
Vista della fontana nel giardino botanico di Villa Taranto
  • Il parco di Villa De Angeli Frua Visitabile a Laveno, vi si trovano numerose piante secolari.
  • Il parco di Villa Fedora Si trova a Baveno, si estende attorno alla villa, ora adibita a camera di commercio del VCO.
  • Il parco zoologico di Villa Pallavicino Si trova a Stresa, ospita più di 40 specie animali esotiche e si spazia in un territorio di circa 20 ettari.[10]

I musei

Alcuni tra i più importanti musei del territorio:

  • Il Museo della ceramica A Laveno, all'interno di palazzo Perabò, articolato in undici sale, passando da opere di metà Ottocento fino al secolo successivo.
  • Il Museo dell'ombrello e del parasole A Gignese, ripercorre abitudini, costumi e tecniche di lavoro degli ombrellai, raccoglie informazioni sulla costruzione dell'ombrello e e le sue caratteristiche.
  • Il Museo Civico Archeologico Si trova a Sesto Calende, contiene numerosi reperti archeologici, soprattutto a sfondo funerario.
  • Il Museo della bambola All'interno della Rocca di Angera, unico nel suo genere, si snoda in tredici sale percorrendo la storia del giocattolo dal 1700 ad oggi.
  • Il Museo Civico Archeologico Paleontologico Nella città di Luino, diviso tra una pinacoteca, una sezione con reperti e una collezione di minerali e fossili.
  • Il Museo dell'Arte del cappello Si trova a Ghiffa, racconta all'interno delle sue sale la storia del copricapo e le tecniche che circondano la sua creazione.
  • Il Museo Archeologico Ad Arona, conserva numerosi reperti concernenti le popolazioni che abitarono la zone del Verbano.
  • I Musei del Monte Verità Situato a Casa Anatta, ad Ascona, ripercorre con documenti e fotografie la storia dell'omonimo movimento rivoluzionario degli inizi 900, che attrasse pensatori e intellettuali quali Carl Gustav Jung, Stefan George e Erich Maria Remarque.
  • Il Museo Comunale d'Arte moderna Ad Ascona, ospita numerose opere di artisti come Paul Klee, Jawlensky, Hermann Hesse, Franz Marc e in generale del Der Blaue Reiter.
  • Il Museo Epper Si trova ad Ascona, è la sede della collezione delle opere dei coniugi Epper.
  • Il Museo di San Sebastiano Situato ad Ascona, contiene arredi sacri della parrocchia di Ascona e fonti riguardanti l'oratorio dei SS. Fabiano e Sebastiano.
  • Il Museo civico archeologico Si trova a Locarno, conserva al suo interno reperti del Locarnese dell'età del bronzo fino all'alto Medioevo.
  • Museo dei trasporti Ogliari Si trova a Ranco, conserva mezzi di trasporti che vanno dal XVIII alla fine del XX secolo.

Altri luoghi di interesse

Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno

Per approfondire, vedi la voce Eremo di Santa Caterina del Sasso.
File:Santa Caterina del Sasso 1.JPG
L'eremo di Santa Caterina del Sasso.

Situato nel comune di Leggiuno, sulla sponda lombarda, si trova l'Eremo di Santa Caterina del Sasso, un monastero costruito sulla costa rocciosa, raggiungibile tramite la scalinata che risale dal lago o scende dal sovrastante parcheggio.

Il complesso monastico è composto da tre edifici e risale al XIV secolo, con aggiunte più recenti del XIX secolo. In tempi più recenti è stato sottoposto a restauro, terminato nel 1986. Di proprietà della provincia di Varese, è affidato per la custodia ad una comunità di domenicani.

Il Sacro Monte di Ghiffa

Per approfondire, vedi la voce Sacro Monte di Ghiffa.

Posto lungo le pendici boscose del monte Cargiago, il Sacro Monte di Ghiffa si trova in una splendida posizione panoramica con una stupenda vista sul Lago Maggiore. Nel 2003 questo straordinario complesso monumentale è stato inserito dall'UNESCO nella Lista del Patrimonio Mondiale insieme ad altri sei Sacri Monti piemontesi.

Il colosso di San Carlo Borromeo

File:San Carlo-Arona 01.JPG
Per approfondire, vedi la voce Colosso di San Carlo Borromeo.

Situato sul sacro monte di San Carlo ad Arona, Il colosso (chiamato comunemente Sancarlone) si presenta come una delle statue dalle maggiori dimensioni del mondo, arrivando a misurare più di 35 metri d'altezza. La statua raffigura il cardinale San Carlo Borromeo.

Il Mottarone

Per approfondire, vedi la voce Mottarone.

Il Mottarone, conosciuto anche come Montagna dei Due Laghi per la sua particolare posizione tra Lago d'Orta e Lago Maggiore, è il più alto rilievo del Vergante. Dalla sua vetta, che in inverno si trasforma in una frequentata stazione sciistica si gode uno dei più bei panorami sulle Alpi centro occidentali, sulla Pianura lombardo-piemontese e su sette laghi (Maggiore, Orta, Mergozzo, Varese, Comabbio, Monate e Biandronno).

L'Astrovia di Locarno

Per approfondire, vedi la voce Astrovia (Locarno).

Situata a Locarno, cittadina Svizzera del Canton Ticino, l'Astrovia (o sentiero planetario) è una fedele riproduzione in scala del sistema solare che si svolge per una lunghezza di circa 6 km partendo dalla foce del fiume Maggia fino ad arrivare al Comune di Tegna. I modelli sono oggi in gran parte rovinati dai vandali.

Località

Italia - Piemonte

Italia - Lombardia

Svizzera - Ticino

Note

  1. ^ Scheda dell'Istituto per lo studio degli ecosistemi del CNR
  2. ^ L'emissario del lago d'Orta, il Nigoglia, è un affluente dello Strona
  3. ^ http://verbanensia.org
  4. ^ Dati presi dal libro: 2000, il Locarnese sott'acqua, di Francesco Del Priore e Teresio Valsesia, Armando Dadò Editore, 2000
  5. ^ Dati presi dal libro: 2000, il Locarnese sott'acqua, di Francesco Del Priore e Teresio Valsesia, Armando Dadò Editore, 2000
  6. ^ Emanuele Bolla, Un tuffo negli anni 50
  7. ^ Dati presi dal libro: Francesco DEL PRIORE, Teresio VALSESIA; 2000, il Locarnese sott'acqua; Armando Dadò Editore, 2000
  8. ^ http://www.lagomaggiore.net/
  9. ^ a b c d http://www.borromeoturismo.it/scripts/loc.php?lang=it&loc=bofam
  10. ^ a b http://www.parcozoopallavicino.it/
  11. ^ a b http://www.villataranto.it/home.htm
  12. ^ http://www.giardinoalpinia.it/

Bibliografia

  • Francesco Del Priore, Teresio Valsesia, 2000, il Locarnese sott'acqua, Armando Dadò Editore, 2000
  • Emanuele Bolla, Un tuffo negli anni '50
  • Renzo Boccardi, Il Lago Maggiore, Istituto italiano d'arti grafiche, 1931
  • Giampaolo Dossena, I Laghi della Lombardia: Immagini del XIX Secolo Dagli Archivi Alinari, Alinari, 1985
  • Renata Lodari, Giardini e ville del Lago Maggiore : un paesaggio culturale tra Ottocento e Novecento, Centro studi piemontesi, 2002
  • J. Epper, Contributo all'idrografia del Lago Maggiore, 1902
  • F. Vercelotti (a cura di), Elogio del lago Maggiore, 1973
  • Navigazione Lago Maggiore e centenario del piroscafo Piemonte, Andrea Lazzarini editore, 2006

Altri progetti

Collegamenti esterni


  • Portale Svizzera
  • Portale Varese
  • Portale Piemonte

 

All translations of lago maggiore


sensagent's content

  • definitions
  • synonyms
  • antonyms
  • encyclopedia

  • definizione
  • sinonimo

Dictionary and translator for handheld

⇨ New : sensagent is now available on your handheld

   Advertising ▼

sensagent's office

Shortkey or widget. Free.

Windows Shortkey: sensagent. Free.

Vista Widget : sensagent. Free.

Webmaster Solution

Alexandria

A windows (pop-into) of information (full-content of Sensagent) triggered by double-clicking any word on your webpage. Give contextual explanation and translation from your sites !

Try here  or   get the code

SensagentBox

With a SensagentBox, visitors to your site can access reliable information on over 5 million pages provided by Sensagent.com. Choose the design that fits your site.

Business solution

Improve your site content

Add new content to your site from Sensagent by XML.

Crawl products or adds

Get XML access to reach the best products.

Index images and define metadata

Get XML access to fix the meaning of your metadata.


Please, email us to describe your idea.

WordGame

The English word games are:
○   Anagrams
○   Wildcard, crossword
○   Lettris
○   Boggle.

Lettris

Lettris is a curious tetris-clone game where all the bricks have the same square shape but different content. Each square carries a letter. To make squares disappear and save space for other squares you have to assemble English words (left, right, up, down) from the falling squares.

boggle

Boggle gives you 3 minutes to find as many words (3 letters or more) as you can in a grid of 16 letters. You can also try the grid of 16 letters. Letters must be adjacent and longer words score better. See if you can get into the grid Hall of Fame !

English dictionary
Main references

Most English definitions are provided by WordNet .
English thesaurus is mainly derived from The Integral Dictionary (TID).
English Encyclopedia is licensed by Wikipedia (GNU).

Copyrights

The wordgames anagrams, crossword, Lettris and Boggle are provided by Memodata.
The web service Alexandria is granted from Memodata for the Ebay search.
The SensagentBox are offered by sensAgent.

Translation

Change the target language to find translations.
Tips: browse the semantic fields (see From ideas to words) in two languages to learn more.

last searches on the dictionary :

4040 online visitors

computed in 0.343s

I would like to report:
section :
a spelling or a grammatical mistake
an offensive content(racist, pornographic, injurious, etc.)
a copyright violation
an error
a missing statement
other
please precise:

Advertize

Partnership

Company informations

My account

login

registration

   Advertising ▼