» 
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese
Arabic Bulgarian Chinese Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Finnish French German Greek Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Italian Japanese Korean Latvian Lithuanian Malagasy Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swedish Thai Turkish Vietnamese

definition - legionario romano

definition of Wikipedia

   Advertizing ▼

Wikipedia

Partecipa all'assemblea di Wikimedia Italia il 20 marzo a Pistoia

Legionario romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Legionario romano
Storia delle campagne militari
Rappresentazione di un legionario romano del I sec.d.C.
Descrizione generale
Attiva753 a.C. - 476
NazioneAntica Roma
Tipofanteria
Guarnigione/QGaccampamento romano
PatronoMarte dio della guerra
Battaglie/guerresi veda la voce Battaglie romane
DecorazioniDona militaria
Comandanti
Comandante correnteCenturione
Simboli
Senatus popolusque romanus e
l'Aquila legionaria

Il legionario romano era il fante che faceva parte della legione romana. In questa voce è trattata la vita del legionario di Roma dal momento del suo reclutamento al congedo e è analizzato il complesso evolversi dell'armamento dall'epoca monarchica alla crisi dell'impero.

Indice

Periodo regio e prima Repubblica (753-350 a.C.)

File:Museo guarnacci, tomba del guerriero di poggio alle croci, elmo crestato 01.JPG
Tipico elmo villanoviano utilizzato dagli Etruschi. Venne introdotto anche nel primo periodo regio di Roma nell'primo esercito romuleo. (Museo etrusco Guarnacci di Volterra).

I primi passi

Il percorso di formazione che compì l'armamento del legionario romano nei secoli fu lungo e travagliato. Una prima vera struttura militare venne creata secondo la tradizione da Servio Tullio, prima di ciò il fante romano vestiva gli armamenti tradizionali, spesso molto colorati e vistosi, del propria tribù di origine.Tullio riformò l'esercito intorno al 370 a.C. , il quale esercito da questo momento combatté con uno schema a falange e con l'armamento degli opliti greci.La divisione tra i fanti era di censo e non più per provenienza. Questo è ciò che Dionigi di Alicarnasso scrive, facendo parlare Servio Tullio:

« ...ho stabilito di far stimare i beni e di far tassare ognuno secondo questa stima. Perché ritengo che sia vantaggioso e conveniente per la comunità che chi possiede molto dia molto; e chi possiede poco dia poco... »
(Dionigi di Alicarnasso, Antichità Romana, IV, 16, 4.)

Organizzazione

Arruolamento

L'arruolamento dei soldati veniva stabilito in caso di guerra tra le varie tribù presenti a Roma [1] (da 17 iniziali passarono a 21 successivamente). Il console stabiliva la data dell'inizio della leva, di solito i contingenti delle varie tribù si radunavano in Campo Marzio. I motivi per astenersi dalla chiamata alle armi dovevano essere esaminati, nel caso in cui non fossero stati validi si veniva dichiarati desertor (disertori) e si poteva essere puniti severamente. A volte come riportatoci da Tito Livio i tempi dell'arruolamento non permettevano l'esame delle esenzioni dal servizio, il quale veniva rimandato a guerra conclusa. Il comando (imperium) era tenuto dal console che era coadiuvato per le funzioni amministrative dai tribuni. I centurioni erano scelti dai soldati.

(LA)
« Consensu omnium dilectus decernitur habeturque. Cum in contione pronuntiassent tempus non esse causas cognoscendi, omnes iuniores postero die prima luce in campo Martio adessent; cognoscendis causis eorum qui nomina non dedissent bello perfecto se daturos tempus; pro desertore futurum, cuius non probassent causam; -- omnis iuventus adfuit postero die. Cohortes sibi quaeque centuriones legerunt; bini senatores singulis cohortibus praepositi. »
(IT)
« All'unanimità venne quindi decretata e sùbito messa in pratica la leva militare. Di fronte all'assemblea i consoli proclamarono che non c'era tempo per valutare i motivi per esentare dal servizio, e dunque i più giovani - nessuno escluso - dovevano presentarsi in campo Marzio all'alba del giorno successivo; solo a guerra finita si sarebbe trovato il tempo di valutare la giustificazione di chi non era andato ad arruolarsi; e quanti avessero addotto delle motivazioni poi giudicate non sufficientemente valide avrebbero ricevuto il trattamento riservato ai disertori. Il giorno successivo tutti i giovani si presentarono. Ciascuna coorte si scelse autonomamente i propri centurioni e due senatori vennero posti al comando di ognuna di esse. »
(Tito Livio, Ab Urbe condita, III, 69)

Armamento

Periodo medio repubblicano (350-104 a.C.)

Organizzazione

La legione manipolare liviana al tempo della guerra latina (340-338 a.C.)

Intorno 350 a.C. si costituì la legione manipolare, questa presentava caratteristiche innovative dal punto di vista tattico: favoriva una maggiore efficacia in terreni non pianeggianti ed era meno vulnerabile ai cedimenti.Di questo tipo di formazione parlano vari autori classici (Livio, Polibio), tra le varie descrizioni ci sono alcune differenze. In sostanza la legione era costituita su varie file di manipoli: velites, hastati, principes e triarii. Ogni soldato doveva procurarsi il proprio armamento, quindi i soldati più giovani e più poveri avevano un armamento più leggero. In questo periodo chi poteva permetterselo si procurava una lorica hamata (armatura composta da piccoli anelli intrecciati tra loro, che poi verrà semplicemente chiamata cotta di maglia).

Reclutamento

Addestramento

Trattamento economico

Armamento

Velites

Per approfondire, vedi la voce Velites.

Erano soldati di fanteria leggera poco armati, aprivano il combattimento lanciando i loro giavellotti (hasta velitaris[3]). I velites avevano almeno due giavellotti lunghi in tutto circa 112 cm e spessi 1,85 cm, la punta in metallo contava circa 22 cm della lunghezza totale[4].Polibio ci fa sapere dell'uso da parte dei velites di una spada (makhaira), secondo Tito Livio era utilizzato il gladius hispaniensis, che era una spada lunga che era utilizzata anche dalla fanteria pesante[5][6].Questi soldati portavano uno scudo piccolo (circa 1 metro) e rotondo chiamato parmula, non indossavano un'armatura ma solo un semplice elmo talvolta coperto da una pelle di animale.Questo tipo di fanti venivano collocati davanti allo schieramento e avevano la funzione di sfoltire i ranghi avversari lanciando i loro giavellotti per poi ritirarsi velocemente nelle loro linee.

(LA)
« Hic miles tripedalem parmam habet et in dextera hastas, quibus eminus utitur; gladio Hispaniensi est cinctus; quodsi pede collato pugnandum est, translatis in laevam hastis stringit gladium. »
(IT)
« Questi infatti hanno uno scudo di tre piedi, sulla destra tengono aste che utilizzano nel combattimento a distanza, portano però al fianco il gladius hispaniensis e se vengono al corpo a corpo, passano le aste alla mano sinistra e impugnano la spada. »
(Tito Livio, Ab Urbe Condita, XXXVIII, 21)

Hastati

Per approfondire, vedi la voce Hastati.

Erano soldati di fanteria pesante armati di gladius hispaniensis e hasta (giavellotto pesante), portavano un lungo scudo ovale.[7] Questi soldati indossavano come protezione al torace una placca di metallo rettangolare legata con lacci di cuoio. Il loro elmo (di ispirazione greco-attica) era spesso ornato di piume sull'apex, questo aveva delle cerniere per collegare i paragnatidi (parti dell'elmo che coprono le guance) al coppo.[8]

Principes

Per approfondire, vedi la voce Principes.

Erano soldati di fanteria pesante più esperti degli Hastati nonostante fossero ugualmente organizzati e armati.

Triarii

Per approfondire, vedi la voce Triarii.

Erano i soldati di fanteria pesante più esperti della legione, armati come i principes. A differenza di hastati e principes portavano una lancia da urto. Spesso i triarii potevano indossare una lorica hamata. I ruoli dei soldati si andarono uniformando, fino a quando con la riforma di Mario del 107 a.C. si formò la legione coortale che raggruppava il manipolo degli hastati, dei principes e dei triarii in una sola coorte.

Periodo tardo repubblicano (104-31 a.C.)

Organizzazione

Il reclutamento

Addestramento

Trattamento economico

Il legionario percepiva uno stipendium annuo che era considerato come una sovvenzione per il servizio militare (anche quando il legionario divenne un soldato professionista con la riforma di Mario, non venne mai considerato un mercenario). La maggior parte dei proventi del legionario era costituita dai bottini di guerra e dalle elargizioni straordinarie dei generali. La ricchezza del bottino variava a seconda del luogo conquistato, erano cosiderati parte di questo anche gli schiavi che venivano poi venduti dai legionari. Dopo 20 anni di servizio circa veniva concesso un premio per il congedo onorevole (honesta missio) che poteva consistere in un terreno o un premio in denaro. Beneficiavano di questi premi anche i legionari congedati anzitempo per ferite o malattie o i congedati per volere del comandante. La perdita dei benefici avveniva con il congedo disonorevole (ignominiosa missio).

(LA)
« Sed consul expletis legionibus cohortibusque auxiliariis in agrum fertilem et praeda onustum proficiscitur, omnia ibi capta militibus donat; dein castella et oppida natura et viris parum munita aggreditur, proelia multa, ceterum leuia, alia aliis locis facere. Interim novi milites sine metu pugnae adesse, videre fugientis capi aut occidi, fortissimum quemque tutissimum, armis libertatem patriam parentisque et alia omnia tegi, gloriam atque divitias quaeri. Sic brevi spatio novi ueteresque coaluere, et virtus omnium aequalis facta. »
(IT)
« Il console, sostituite le perdite nelle legioni e nelle unità ausiliarie, si dirigeva verso luoghi fertili con grandi possibilità di saccheggio. Lì distribuì tutto il bottino ai suoi soldati, assaltando poi velocemente le cittadelle e i forti di quei posti con minore protezione naturale e dove mancavano guarnigioni: i combattimenti, anche se di non grande entità, si scatenavano ovunque. Così anche le nuove reclute partecipavano ai combattimenti senza timore; si rendevano conto che chi scappava veniva preso e trucidato immediatamente, mentre chi si dimostrava valoroso veniva ripagato con la salvezza e con le armi, cosicchè non solo erano più solleciti a combattere per la libertà, la patria e per i loro beni, ma ottenevano anche il guadagno della ricchezza e della gloria. Di lì a poco le nuove reclute e i veterani si integrarono perfettamente e con pari valore. »
(Sallustio, Bellum Iugurthinum, LXXXVII)

Armamento

Il legionario repubblicano del III-I sec. a.C.

File:Légionnaire romain.JPG
Legionario con lorica hamata dei tempi di Gaio Giulio Cesare e Augusto.
Per approfondire, vedi la voce Pilum.

Indossava una lorica hamata con un rinforzo sulle spalle chiamato umeralis; un gladio e uno scudo semi rettangolare con la parte superiore e inferiore tondeggianti.In questo periodo nasce un tipo di giavellotto chiamato pilum. Infatti quando il legionario scagliava il pilum, questo al contatto con gli scudi si piegava e pendendo da una parte ne impediva l'utilizzo. Inoltre se toccava terra, rompendosi, non sarebbe potuto essere utilizzato dal nemico. Vi sono ipotesi dell'archeologia sperimentale che asseriscono che questa qualità dei pila fosse solo "addizionale" e che fosse stato studiato per trapassare gli scudi piuttosto che piegarsi.[9][10] Sulla testa il legionario portava diversi tipi di elmi a seconda del secolo, della legione e del luogo dove combatteva.

Elmo Montefortino.
L'elmo Montefortino (V-I sec. a.C.)
Per approfondire, vedi la voce Elmo (esercito romano).

Intorno dalla fine del V secolo si introdusse un nuovo tipo di elmo di provenienza celtica, chiamato Montefortino dal nome di una necropoli vicino ad Ancona, venne utilizzato fino al I secolo a.C. Presentava un coppo allungato, che garantiva maggiore resistenza ai colpi dall'alto. Nella parte più alta dell'elmo era collocato un apex (a volte fabbricato a parte e poi aggiunto, oppure fuso con l'intero coppo), sul quale si inserivano delle piume, con lo scopo di far sembrare più alti i soldati all'occhio del nemico.L'elmo Montefortino fu catalogato dal Robinson con sei lettere (A, B, C, D, E, F) alle quali corrispondono sei tipologie diverse. Nei modelli è assente un rinforzo frontale e il paranuca è solo accennato. I modelli più recenti assomigliavano molto ai coevi elmi Coolus.

L'elmo Coolus (III sec. a.C. - I sec. d.C.)

L'elmo di tipo Coolus prende il nome da Coole in Francia. Questo tipo di elmo esiste fin dal III secolo a.C., ma iniziò a sostituire il Montefortino solo nel I secolo a.C. Non è molto diverso dall'elmo Montefortino, ma presenta un coppo semisferico. I primi due modelli (A e B) erano molto semplici, ma fin dal modello "C" erano presenti il rinforzo frontale e un paranuca pronunciato. Questi due elementi servivano per proteggere il soldato dai colpi sulla testa che sarebbero scivolati, ferendolo sulla schiena o in viso. Anche questo elmo presentava un apex e due grandi paragnatidi, era assente però una protezione per le orecchie. L'elmo Coolus fu catalogato dal Robinson con nove lettere (A, B, C, D, E, F, G, H, I) alle quali corrispondono nove tipologie diverse.

L'elmo Agen-Port (I sec. a.C.)

Gli elmi Agen-Port sono catalogati in soli due modelli (A e B). Sono particolari elmi diffusi durante le campagne di Cesare e hanno alcune caratteristiche che possono essere considerate progenitrici degli elmi gallici imperiali. Nell'elmo Agen-Port di tipo "B" è da segnalare il disegno in rilievo di due sopracciglia.

Età imperiale (I-II sec. d.C.)

Organizzazione

Arruolamento

Trattamento economico

Armamento

Il legionario del I sec. d.C.

File:EQUIPAGGIAMENTOLEGIONARIOROMANOETAIMPERIALE.JPG
Legionario del I secolo d.C. con lorica segmentata del tipo Corbridge e elmo gallico imperiale.

Con l'inizio dell'impero l'armamento del legionario romano cambia drasticamente. Il legionario del I secolo a.C. è nell'immaginario comune lo stereotipo di soldato romano. Questo soldato indossava sopra la tunica una pesante lorica segmentata del tipo Kalkriese o Corbridge, due nuovi tipi di elmi chiamati gallico imperiale e italico imperiale, un pilum e uno scudo rettangolare con i disegni e il nome della propria legione. Al cinturone molto decorato (il balteus) erano appesi il gladio di tipo Mainz o un gladius ispaniensis a destra (questa posizione permetteva al soldato di estrarla senza disturbare il braccio con cui teneva lo scudo), il pugio (un piccolo pugnale) a sinistra e il cingulum. Quest'ultimo consisteva in quattro o cinque pendagli, che durante il combattimento producevano un suono metallico con lo scopo di atterrire il nemico. Per evitare le abrasioni al collo prodotte dalla corazza, il legionario indossava un'imbottitura sulle spalle chiamata focale e un fazzoletto al collo. Come sempre a seconda dei nemici che la legione doveva affrontare i fabbri apportavano modifiche e accorgimenti sull'armamento.

Lorica segmentata del tipo Kalkriese

Si diffuse all'inizio del I secolo d.C., venne sostituita dopo poco tempo dalla lorica del tipo Corbridge. Era costituita da molte più fibbie e lacci della lorica Corbidge, ma in sostanza la struttura era uguale.[11]

La lorica segmentata del tipo Corbridge

La lorica segmentata del tipo Corbridge è una armatura composta da piastre di metallo (7 orizzontali e 5 verticali sulle spalle del soldato). Si iniziò a diffondere dal 50 d.C. circa.Questa armatura è molto facile da trasportare ma difficile e scomoda da indossare, in quanto le placche erano unite tra loro da lacci e piccoli componenti, i quali si potevano rompere durante il combattimento e dovevano essere sempre sostituiti.

Una ricostruzione moderna di un elmo gallico imperiale da centurione romano del I secolo.
Gli elmi gallico imperiali e italico imperiali

I primi erano notevolmente influenzati dagli elmi gallici anche nelle decorazioni (per questo elmi gallico imperiali). I secondi, di produzione delle officine italiche, erano di ispirazione greco-italica soprattutto nella forma del coppo, leggermente allungata in avanti (visibile maggiormente nei primi modelli), e delle paragnatidi. Gli elmi gallico imperiali presentavano un coppo semisferico e, come gli italico imperiali, un esteso paranuca e un rinforzo frontale. Dopo la guerra di Traiano in Dacia del 101 d.C. vennero aggiunti dei rinforzi incrociati sul coppo, in quanto i Daci utilizzavano spade ricurve con le quali superavano lo scudo romano e colpivano dall'alto.[12] Gli elmi gallico imperiali sono caratterizzati dalla presenza sulla parte frontale del disegno in rilievo di due sopracciglia. Questi elmi sono stati prodotti prevalentemente in ferro, in alcuni casi però possono essere in bronzo.

Gli elmi gallico imperiali sono stati classificati dal Robinson con le lettere dalla A alla K, gli italico imperiali dalla A alla H. Questi due tipi di elmo sono raggruppati da altri studiosi nella grande famiglia degli elmi Weisenau.

Il legionario del II sec. d.C.

Elmo da parata romano della seconda metà del II secolo. L'unico esempio di questo tipo completo. Si trovavava presso il forte ausiliario di cavalleria, a Theilenhofen (l'antica Iciniacum), in Baviera, ora esposto presso il di Museo germanico di Norimberga.
Per approfondire, vedi la voce Lorica manica.

Questo legionario indossava solitamente una lorica del tipo Newstead, non portava più il gladio ma una spatha. L'iconografia dello scudo in questo periodo cambia completamente, non si usa più il pilum ma una normale lancia. Il legionario può portare un elmo in ferro da cavalleria ausiliaria del tipo “E”, il quale era molto protettivo, oppure il solito elmo italico imperiale.[13]In questo periodo spesso le legioni utilizzavano armamenti diversi a seconda del territorio in cui erano di stanza e dei nemici da affrontare. Infatti in questo periodo si diffusero tra molte legioni la lorica squamata (già esistente fin da prima del II sec. a.C. e usata soprattutto dai reparti di cavalleria) e alcune protezioni alle braccia e alle gambe.

Lorica segmentata del tipo di Newstead

La lorica di Newstead è una armatura utilizzata dai legionari romani dal II secolo d.C. circa. I primi ritrovamenti (mai completi) di questa armatura si ebbero fin dai primi anni del '900. Era una lorica simile a quella Corbridge ma con meno piastre orizzontali (solitamente 5). Le numerose cerniere della lorica Corbridge furono sostituite da ganci più difficili da rompere.[14][15]

Lorica squamata
Per approfondire, vedi la voce Lorica squamata.

Questa armatura era composta da piccole placchette di metallo o cuoio, chiamate squamae perché simili alle squame dei pesci, cucite tra loro.

Rappresentazione di un legionario della fine del III secolo.

La Crisi e la riforma Diocleziano e Costantino (III-IV secolo).

La crisi del III secolo

Durante il III secolo d.C. l'impero subì cinquant'anni di crisi. Le legioni romane si trovarono ad affrontare eserciti barbarici basati quasi esclusivamente sulla cavalleria (vedi i catafratti), quindi la figura del fante venne sminuita. Il legionario nel IV secolo d.C. indossava solo una tunica con una cotta di maglia, aveva uno scudo rotondo e una lancia lunga per disarcionare il nemico. Il fante portava con se una spada e che assomigliava sempre più a quelle medievali e un elmo di origine sasanide con il paranaso tipico del medioevo.[16]

Riforma di Diocleziano e miglioramenti di Costantino

Organizzazione

Reclutamento

Voci correlate

Collegamenti esterni

Note

  1. ^ Livio, III,69
  2. ^ P.Connolly, Greece and Rome at war, pp.129-130.
  3. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione", Vol. I, pag. 137
  4. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione", Vol. I, pag. 79
  5. ^ Tito Livio, Ab Urbe Condita, XXXVIII, 21
  6. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione", Vol. I, pag. 79
  7. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione", Vol. I, pag. 79
  8. ^ Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, pag. 46
  9. ^ L.Bonacina (Vexillum 1, 2007)
  10. ^ P.Connolly (JRMES 12/13, 2003)
  11. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione, Vol. II, pag. 140
  12. ^ Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, pag. 23
  13. ^ Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, pag. 147
  14. ^ Giuseppe Cascarino, L'Esercito Romano, Armamento e organizzazione, Vol. II, pag. 142
  15. ^ Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, pag. 147
  16. ^ Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, pagg. 174-175


Bibliografia

Fonti classiche

Testo latino completo su VICIFONS
Testo latino completo su VICIFONS

Fonti moderne

  • E.Abranson e J.P. Colbus, La vita dei legionari ai tempo della guerra di Gallia, Milano 1979.
  • G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. I - Dalle origini alla fine della repubblica, Rimini 2007.
  • G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini 2008.
  • Giuseppe Cascarino, Carlo Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'impero d'occidente, Rimini 2009
  • Giuseppe Cascarino, Carlo Sansilvestri, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. III - Dal III secolo alla fine dell'impero d'occidente, Rimini 2009
  • M.C.J. Bishop, Roman Military Equipmen from the Punic War to the Fall of Rome, Oxbow Books, Oxford 2006
  • M.C.J. Bishop, Lorica segmentata, Vol I. A handbook of articulates Roman plate armour, The Armatura Press, Braemar 2002
  • M.C.J. Bishop, Lorica segmentata, Vol II. A handbook of articulates Roman plate armour, The Armatura Press, Braemar 2003
  • P.Connolly, L'esercito romano, Milano 1976.
  • P.Connolly, Greece and Rome at war, Londra 1998. ISBN 1-85367-303-X
  • N.Fields, Roman Auxiliary Cavalryman, Oxford 2006.
  • A.K. Goldsworthy, The Roman Army at War, 100 BC-AD 200, Oxford - N.Y 1998.
  • L.Keppie, The Making of the Roman Army, from Republic to Empire, Londra 1998.
  • Y.Le Bohec, L'esercito romano da Augusto alla fine del III secolo, Roma 1992, VII ristampa 2008.
  • Y.Le Bohec, Armi e guerrieri di Roma antica. Da Diocleziano alla caduta dell'impero, Roma 2008. ISBN 978-88-430-4677-5
  • S.McDowall, Late Roman Infantryman, Oxford 1994.
  • A.Milan, Le forze armate nella storia di Roma Antica, Roma 1993.
  • H.Parker, The Roman Legions, N.Y. 1958.
  • Robinson, H. Russel, The armour of Imperial Rome, Arms and Armour Press, 1975
  • Silvano Mattesini, Le Legioni Romane, L'armamento in mille anni di storia, Gremese Editore, 2006
  • A.Watson, Aurelian and the Third Century, Londra & New York 1999.
  • G.Webster, The Roman Imperial Army, Londra - Oklahoma 1998.



  • Portale Esercito romano
  • Portale Antica Roma

 

All translations of legionario romano


sensagent's content

  • definitions
  • synonyms
  • antonyms
  • encyclopedia

  • definizione
  • sinonimo

Dictionary and translator for handheld

⇨ New : sensagent is now available on your handheld

   Advertising ▼

sensagent's office

Shortkey or widget. Free.

Windows Shortkey: sensagent. Free.

Vista Widget : sensagent. Free.

Webmaster Solution

Alexandria

A windows (pop-into) of information (full-content of Sensagent) triggered by double-clicking any word on your webpage. Give contextual explanation and translation from your sites !

Try here  or   get the code

SensagentBox

With a SensagentBox, visitors to your site can access reliable information on over 5 million pages provided by Sensagent.com. Choose the design that fits your site.

Business solution

Improve your site content

Add new content to your site from Sensagent by XML.

Crawl products or adds

Get XML access to reach the best products.

Index images and define metadata

Get XML access to fix the meaning of your metadata.


Please, email us to describe your idea.

WordGame

The English word games are:
○   Anagrams
○   Wildcard, crossword
○   Lettris
○   Boggle.

Lettris

Lettris is a curious tetris-clone game where all the bricks have the same square shape but different content. Each square carries a letter. To make squares disappear and save space for other squares you have to assemble English words (left, right, up, down) from the falling squares.

boggle

Boggle gives you 3 minutes to find as many words (3 letters or more) as you can in a grid of 16 letters. You can also try the grid of 16 letters. Letters must be adjacent and longer words score better. See if you can get into the grid Hall of Fame !

English dictionary
Main references

Most English definitions are provided by WordNet .
English thesaurus is mainly derived from The Integral Dictionary (TID).
English Encyclopedia is licensed by Wikipedia (GNU).

Copyrights

The wordgames anagrams, crossword, Lettris and Boggle are provided by Memodata.
The web service Alexandria is granted from Memodata for the Ebay search.
The SensagentBox are offered by sensAgent.

Translation

Change the target language to find translations.
Tips: browse the semantic fields (see From ideas to words) in two languages to learn more.

last searches on the dictionary :

5502 online visitors

computed in 0.078s

I would like to report:
section :
a spelling or a grammatical mistake
an offensive content(racist, pornographic, injurious, etc.)
a copyright violation
an error
a missing statement
other
please precise:

Advertize

Partnership

Company informations

My account

login

registration

   Advertising ▼